Posted on

Test Sup JP Surf Wide Body 8’2

Test Sup JP Surf Wide Body 8’2 x 32

Vi rammentiamo che per il 2016 le misure dell‘8’2 sono state leggermente modificate, mentre completamente nuova è il 7’11”x30.5”. É più allungata, con la prua più pronunciata in alto e con i bordi più sottili. Abbiamo optato per una poppa più schiacciata per velocizzare il rilascio del flusso.

Il nuovo 8’2”x 31,5” rimpiazza la popolare versione da 32” e su di esso abbiamo fatto delle modifiche coerenti con le novità introdotte nel 7’11”: prua più pronunciata in alto e bordi più sottili. Il tutto abbinato alla coda schiacciata. Stabilità e un incredibile potenziale nelle curve, restano le caratteristiche basi di questo shape. Per estendere ulteriormente il range delle versioni PRO, abbiamo aggiunto 3 attacchi FCS per la pinna centrale. Provale con la configurazione Thruster, nelle giornate epiche, o anche come Nubster, con tutte e 5 le pinne.

Ringraziamo Marco e Carlo Stefanini di Standuppaddling.it per il prezioso contributo ed il test veramente completo ed esaustivo

Leggi il test completo

Posted on

What length should my SUP paddle be?

 

Articolo estremamente interessante preso da blackprojectsup.com

While proper paddle length is critical to optimizing your performance, there is no universal answer to a question regarding SUP paddle length. Finding your optimal length takes considering a combination of variables from your height to your board-type to your paddling style. The table below makes some suggestions based on the type of paddling you do, your height and what board you use.


Top tip: The use of hot glue enables you to easily shorten your paddle, our recommendation is that you leave your paddle slightly longer and then cut down if required. 

Tip: This table is not designed to be a one-size-fits-all solution, and recommended lengths may vary by approximately 1″ (2.5cm) depending on the paddler’s preference. It’s easier to cut your paddle down than to glue on more shaft (especially with our hot glue construction, more on that below), so we err on the side of caution by recommending the longer end of the spectrum. 

How do different paddle disciplines affect my paddle length choice?

While many paddlers will use their paddles for a variety of disciplines, it’s not always possible to have multiple paddles at different lengths. When selecting the length for a given paddle it’s important to consider what type of paddling you’ll be using it for most and how that affects your choice. Let’s look at the different SUP disciplines and see how they influence paddle length.

Recreational Racing & Touring

If your main goal when getting on the water is fun and comfort, then a slightly longer paddle is the way to go. A longer shaft enables you to stand more upright in a relaxed stance and lower the cadence of your stroke. Also, recreational boards tend to be wider and thicker with higher volume and a longer paddle can really help here.

Advanced or Pro Racing

As your paddling skill progresses to high-level racing ability, you’ll likely develop a more aggressive stance with bent knees and increase the cadence of your stroke. Race-specific boards are also narrower, which translates to shorter reach in your stroke. Those factors combined make a shorter paddle most conducive to racing, but not so short that you’re straining your back excessively to submerge the blade.

 

Dugout Boards

If you’re paddling a dugout paddleboard—or a board with a recessed cockpit and sunken deck—you are effectively closer to the water, which means you should be using a shorter paddle. Depending on the extent of your board’s recess, you will need a paddle two to three inches shorter than you would on a flat-deck paddleboard.

SUP Surf Board Volume and Reserve Buoyancy

Let’s start by looking at the concept of reserve buoyancy: the board volume in liters minus the paddler weight in kilograms. The higher this number is, the more floatation a board has, meaning it’s usually more stable and sits higher out of the water.

Board volume in liters
minus (-)
Paddler weight in kilograms
equals (=)
Reserve Buoyancy

 

If your reserve buoyancy is ≥40 your board is highly buoyant and you will want a longer paddle.

If you answer is less than <40, your board size is smaller (you’re closer to the water) and you will want a slightly shorter paddle.

If you answer is ≤20, as it is in the case of many performance SUP surfboards, then your board is getting extremely small and you will want a considerably shorter paddle, which also helps when aggressive surfing.

If your answer is ≤10, your board is very small and you will likely want a paddle that’s shorter than your height.

SUP Foiling

The newest of all SUP disciples is foiling and depending on whether you are in the surf or downwinding your paddle length might change slightly. If you are downwind foiling then a slightly longer paddle will give you a little extra reach and help you make an efficient blade entry when riding on the foil and pumping. If you are SUP foiling in surf then you may not need the extra length as you are only using the paddle to get up onto the foil and doing less pumping.

When and how to shorten your SUP paddle

We suggest that you shorten your paddle over time, feeling out the adjustments and keeping the increments small. 1cm or 0.5″ will make a much bigger difference than you might imagine, so take it slowly and gradually find the perfect length for you. We strongly recommend the use of our extra-strength hot glue when reconnecting your paddle handle after changing lengths. This enables you to not only swap out parts but also to take off your handle, shorten and re-glue. Check out this great video by ambassador Luke Tipple.

How do I know if my paddle is too long?

If you paddle is too long you may notice some or all of these symptoms:

  • Pain in shoulders
  • Awkward feel when paddling
  • Hard to make paddle swaps
  • Over-extension in power phase of stroke

How do I know if my paddle is too short?

If you paddle is too short you may notice some or all of these symptoms:

  • Lower back pain
  • Loss of power on strokes
  • Blade not fully submerged during stroke
  • Loss of stability
Posted on

Kite School Kiterpillar Team

 

 

Il kitesurf è uno sport che può essere facilmente praticato da tutti, con età comprese tra i 10 ai 65 anni
Naturalmete se il vento è molto teso e se il mare inizia ad essere agitato lo sport diventa più estremo, dove il rischio di farsi male, se non si conoscono le giuste procedure o non si è atleticamente preparati, è  alto.
Per imparare il kitesurf è quindi obbligatorio effettuare un CORSO presso una struttura qualificata e professionalmente preparata.
Si consiglia di evitare assolutamente di affidarsi a persone che praticano il kitesurf, anche se molto capaci,  ma che non hanno nessun tipo di qualifica nell’insegnamento.
Per un consiglio sbagliato, o per una procedura errata, oltre a rompere la propria attrezzatura, si rischia di fare male oltre che a se stessi anche agli altri.

In Italia vi sono moltissime strutture dove vengono proposti corsi di kite.

Per scegliere la Vs. scuola,  la prima cosa che dovete chiedere è  la qualifica di chi vi sta lanciando in questa nuova disciplina,se viene fornita  copertura assicurativa ( obbligatoria per legge ) e l’ente di affiliazione.
A questo proposito giova ricordare che, in Italia, il Kitesurf, dopo varie vicissitudini, è passato sotto il controllo del Coni attraverso la F.I.V. (Federazione Italiana Vela) che ha preso in seno il Kitesurf e ne regolamenta la pratica nelle nostre  acque.

La nosta scuola: Kiterpillar Team

Tutto il materiale tecnico-didattico che utilizzerete durante il corso di kitesurfing,  vi verrà fornito dalla nostra scuola e sarà sempre materiale aggiornato e  di ultima generazione, per garantirvi un servizio esclusivo ed il massimo della sicurezza!


Premettendo che non poniamo limite al numero di lezioni che saranno necessarie a raggiungere gli obiettivi prefissati, e quindi senza dover pagare per ulteriori lezioni, di seguito inseriamo uno schema dielle lezioni  che la nostra scuola, sotto la super visione di Antonio Loffredo, Istruttore Federale F.I.V., effettua durante il corso

 Schema del Corso

1) Preparazione teorica e conoscenza dei materiali
Un po’ di storia
Il Kite, i materiali e le loro differenze
I sistemi di sicurezza e le principali norme
I venti e la conoscenza del luogo
Dove può volare un kite e le andature

2) In Spiaggia – pratica con simulatore (kite-2m)
un piccolo kite che vola come un ala vera ma che non ha molta trazione,
per acquisire solamente il corretto movimento della barra
Primi esercizi d’apprendimento con il kite
3) In Spiaggia -pratica con un kite di piccole dimensioni
Ala da  4 – 8 m per iniziare ad acquisire sensibilità sulla
propulsione che eroga una vela

4) In Spiaggia- Pratica con un kite di dimensioni reali
Come e dove far decollare e far abbassare un kite
Utilizzo del trapezio

5) In Acqua. Body drag (pilotaggio dell’ala in acqua)
Solo dopo aver acquisito la giusta tecnica a
terra si può passare al body drag, che consiste nel
“trascinamento del corpo” senza la tavola.
Questo esercizio è il primo contatto in acqua con i materiali

6) In Acqua. Partenza con la tavola
Tecnica di partenza con la tavola a terra
Partenza in acqua

Sedi dei Corsi:

  • Circolo East-Bay , riviera Zanardelli, Anzio
  • Stabilimento Galapagos, Lungomare delle Sterlizie 15, Lido dei Pini, Anzio RM
  • Kitebeach Hawaiian Boarding Club, Lungomare delle Sterlizie snc, Lido dei Pini, Anzio RM

Documentazione Obbligatoria

Certificato medico sana e robusta costituzione
Una foto formato tessera 

Contatti

Mail:  kiterpillarteam@gmail.com

FB:  @KiterpillarTeam

Tel: 3280779189 Antonio Loffredo

Posted on

Bracciali Quantares Q-Sport e Q-On

Bracciali con sistema brevettato che,alimentandosi con il calore corporeo e la luce ambientale,generano emissioni elettro-magnetiche a bassissima intensità per il riequilibrio posturale aiutando a ridurre infiammazioni o dolori di origine muscolo-scheletrica e a migliorare l’efficienza fisica.

Q-ON Descrizione

q-on-foto-web

Il Q-On è un dispositivo medico CE con Aut. Min. per la comunicazione di determinati effetti. Si tratta di un braccialetto per il riequilibrio posturale che genera una serie di benefici conseguenti, derivanti dall’azione esercitata. Questi si possono riscontrare nella riduzione di eventuali infiammazioni o dolori di origine muscolo-scheletrica, come anche nel miglioramento della efficienza fisica. Infatti l’azione di riequilibrio delle tensioni muscolari bilaterali, genera un minor dispendio energetico che può evidenziarsi in un notevole incremento delle prestazioni fisiche. Inoltre lo schema posturale ideale migliora la reazione dell’organismo agli stimoli esterni, ovvero quella che si definisce propriocezione.

Il dispositivo agisce mediante emissioni elettro-magnetiche a bassissima intensità, esse sono infatti generate da un sistema brevettato composto da nanotecnologie di ultima generazione, che si alimenta grazie alla emissione nell’infrarosso dell’organismo (calore corporeo) e dalla luce ambientale, ambedue fonti energetiche assolutamente compatibili con il nostro sistema corporeo.

Q-Sport Descrizione

Quantares Q-On e Q-Sport

IL Q-Sport è un bracciale che, mediante emissioni elettromagnetiche a bassissima intensità, è in grado di generare una serie di effetti benefici sul nostro organismo che, partendo da un riequilibrio dello schema posturale generale, si riflettono sulla ottimizzazione della reattività e del coordinamento motorio agli stimoli esterni. Questa serie di azioni e reazioni si riassume nel concetto di propriocezione. Il dispositivo Q-Sport contribuisce quindi al miglioramento di questa caratteristica specifica e si riflette sulla prestazione fisica generale, sia in termini di coordinamento ed equilibrio che di ottimizzazione della gestione energetica a livello muscolare.

Qualsiasi attività fisica svolta beneficerà dell’effetto del dispositivo dal punto di vista della qualità dell’esercizio come anche della riduzione dei tempi di recupero dopo l’attività stessa. Il sistema è alimentato dalla nostra emissione nell’infrarosso (calore corporeo) e dalla luce ambientale, fonti di energia perfettamente compatibili con il nostro organismo. Infatti il sistema si basa su una tecnologia brevettata che permette alle emissioni elettromagnetiche generate di ottenere gli effetti illustrati, tramite l’utilizzo di nanotecnologie di ultimissima generazione.

TECNOLOGIA Quantares

Il bracciale Quantares Q-On è un dispositivo medico di prima classe, funzionante tramite emissioni elettromagnetiche a bassissima intensità, alimentato dalla emissione nell’infrarosso dell’utilizzatore (calore) e dalla luce ambientale. Gli effetti generati sono quindi conseguenza di un processo fisico e non chimico.

Il dispositivo agisce con impulsi elettromagnetici, mediante stimolazione meccanica, inducendo una decontrazione selettiva dell’apparato muscolo scheletrico, riequilibrando quindi le tensioni muscolari.

Il dispositivo ha una influenza sul tono muscolare bilaterale. Il risultato è un riequilibrio posturale che si evidenzia nella simmetrizzazione dell’appoggio plantare, nella riduzione di dismetrie delle creste iliache, nella ottimizzazione dell’occlusione mandibolare. Questi miglioramenti possono aiutare nella riduzione delle infiammazioni derivanti da schemi posturali non ottimali. L’ottimizzazione delle tensioni muscolari si evidenzia in una migliore gestione dell’energia del sistema muscolare stesso che può comportare anche miglioramenti nella resistenza e nella prestazione fisica.

bracciale-quantares-q-on-e q-sport

STRUTTURA del dispositivo:

Il bracciale Quantares Q-On è un dispositivo medico di prima classe, funzionante tramite emissioni elettromagnetiche a bassissima intensità, alimentato dalla emissione nell’infrarosso dell’utilizzatore (calore) e dalla luce ambientale. Gli effetti generati sono quindi conseguenza di un processo fisico e non chimico.

Il dispositivo agisce con impulsi elettromagnetici, mediante stimolazione meccanica, inducendo una decontrazione selettiva dell’apparato muscolo scheletrico, riequilibrando quindi le tensioni muscolari.

Il dispositivo è composto da nanotecnologie di ultima generazione.

I test di innocuità dimostrano che non produce effetti dannosi e che non ha controindicazioni

Il dispositivo ha una durata di 90/120 gg circa a seconda della modalità di utilizzo.

Il bracciale se scollato perderà il suo potere adesivo.

Il dispositivo è lavabile con acqua e sapone. Agenti chimici aggressivi possono danneggiarlo.

Si raccomanda una adeguata idratazione, soprattutto nei primi giorni di utilizzo, con una assunzione giornaliera di almeno 2 litri di acqua.

Può essere utilizzato in acqua dolce o salata senza problemi.

L’effetto è costante per cui va usato continuativamente, salvo esigenze particolari.

 

Riduzione Dismetrie Quantares Q-ON e Q-SPORT

BENEFICI:

Il dispositivo ha una influenza sul tono muscolare bilaterale, favorendo la contrazione o decontrazione del muscolo a seconda delle esigenze. Il risultato è un riequilibrio posturale che si evidenzia nella simmetrizzazione dell’appoggio plantare, nella riduzione di dismetrie delle creste iliache, nella ottimizzazione dell’occlusione mandibolare come testimoniato da test clinici. Questi miglioramenti possono aiutare nella riduzione delle infiammazioni derivanti da schemi posturali non ottimali.
L’ottimizzazione delle tensioni muscolari si evidenzia in una migliore gestione dell’energia del sistema muscolare stesso che può comportare anche miglioramenti nella resistenza e nella prestazione fisica.

In rari casi il repentino riequilibrio del schema posturale può comportare fastidi di varia natura derivanti dalla entità dello squilibrio pregresso. Con una abbondante idratazione e dopo 2/3 giorni di utilizzo i fastidi dovrebbero scemare e il riequilibrio stabilizzarsi ed essere apprezzato.

Video di Presentazione

https://youtu.be/avOBYeD0f8Y

Come indossarlo

Vai al prodotto

Posted on

Kite Camp Dakla 2019

Destinazione     DAKHLA

West Point Dakhla Hotel

In 20/03/2019 out 29/03/2019

Garden view Chalet WPD (Dakhla) Bungalow, Garden view chalet WestPoint Dakhla

Trattamento di pensione completa, con acqua ai pasti

Trasferimenti da e per aeroporto di Dakhla incluso

Storage del materiale da kitesurf incluso

Assicurazione medico bagaglio e quota gestione pratica incluse

Volo, in classe economy, inclusi 1 bagaglio 23 Kg in stiva, 1 bagaglio 23 Kg attrezzatura sportiva, 1 bagaglio a mano

Video

Quote:

Quota per persona in camera doppia   :   Euro   1.290,00

Quota per persona in camera tripla       :   Euro    1.275,00

Quota per persona in camera quadrupla : Euro     1.260,00

In ultimo al prezzo di € 60,00  a persona, invece che € 120,00  (prezzo di vendita in loco), possiamo aggiungere anche il seguente pacchetto servizi:

– Kayak

– Surfing excursions

– Cabla park (wakeboard)

– Downwind presso White Dune.

Non e’ compresa l’assicurazione contro l’annullamento del viaggio da parte del cliente

le quote della stessa si possono richiedere per chi fosse interessato in agenzia

30% di acconto a persona da versare al momento della conferma

Per maggiori info kiterpillarteam@gmail.com

 

Posted on

Accettiamo PayPal

 

Per rendere più agevoli gli acquisti ed offrirvi la massima sicurezza

abbiamo introdotto tra i sistemi di pagamento accettati

paypal_sicuro

consentendovi pagamenti facili e sicuri dal vostro conto Paypal e dalle principali carte, anche prepagate

lpaypal_pagamento

Naturalmente potrete continuare a pagare tramite :

  • Bonifico ( la merce potrà essere spedita solo dopo accredito sul nostro c/c )
  • Visa e Mastercard con Securcode
  • Masterpass
  • Finanziamenti Online con Findomestic

Per Evitare qualsiasi disguido e per la vostra massima sicurezza Vi ricordiamo che prima di effettuare qualsiasi pagamento dovrete ricevere una nostra mail di conferma della disponibilità e del prezzo del prodotto  incluso trasporto.

Posted on

Federico again on Standup Journal

 Federico Piccinaglia Italian Rider Naish è nuovamente su Standup Journal

“FOURTEEN DAYS IN A ROW… in the Mediterranean! True story… “Not sure if it’s el nino to blame — or thank — but Varazze, Italy has been going off for 2 weeks straight!”
Naish Stand Up Paddling team rider, Fred Piccignalia”

Federico Piccinaglia su Standup Journal

Queso articolo segue quello di Dicembre con le foto di ” Federico Santa Klaus” sempre su Standup Journal

Federico Santa Klaus on Standup Journal

Cogliamo l’occasione per mostrarvi altre belle  immagini di Federico, cui vanno in nostri ringraziamenti per avercene concesso l’uso

Federico 1

Federico2

Federico 3

Federico 4

Federico 5

federico 6

Federico 7

Federico 0

 

Posted on

Rail Saver Pro in Italia

Finalmente disponibili in Italia in pronta consegna gli originali parabordi per tavole da sup

                                      Rail Saver Pro

RSPro

icons Rail Saver PRO squared

 

Spedizioni in tutta Italia .

Disponibili sia in versione Clear-trasparente per conservare i colori della vostra tavola ,

sia colorati utili anche a coprire eventuali stuccature e riparazioni già effettuate.

Per scegliere il modello, colore preferito vi consigliamo di visitare la pagina

http://www.hawaiiansurfing.com/catalogo/cat/s-u-p/accessori-s-u-p/

Nuova colorazione Pro Space Camo Trasparente

Space_Camo_RSPro_rail_saver_color_mix_grandeTatau Trasparente

Tatau RSPro rail saver detail on a yellow board

Hybiscus Trasparente

Parabordi_Rail_S_54e0869e6e35c

Trasparente in diverse misure

Parabordi_Rail_s_54e100b51e8d1

Parabordi_Rail_S_54e0fdf82865d

colorati nel rosso , giallo, bianco e nero

Parabordi_Rail_S_54e09d1617221

Dispobibili anche i nuovi :

Paddle Grip

Paddle_Grip_RSPR_54e10517313da

Paddle Blade Edge Protection

Parabordi_pagaia_RSPRO_Edge_Saver_White

Surf Board Rail Protection

Surf Board Rail Protection RSPROHexaTraction pads

 

HexaTraction_RSPro_SUP_board_nose_detail

 

Hexa traction RSPRO per short

 

 

 

 

 

 

 

 

Posted on

Test S.U.P. Naish Hokua Raptor

Test Hokua Raptor V95 LE

Ringraziamo prima di tutto lo staff di  standuppaddling.it

Introduzione

I Compact Suf Shape (anche noti come Minion, Vanguard-Tomo) rapprentano il nuovo trend nella progettazione di tavole da Surf. Per molti sono state le tavole Firewire Vanguard, presentate alcuni anni fa, ad introdurre questo nuovo approccio progettuale nella realizzazione di tavole da surf ad alte prestazioni. D’altro canto, esso si è dimostrato nel frattempo piuttosto funzionale e, non sorprendentemente, ha finito per sconfinare anche nel mondo del Kiteboarding e del Windsurfing. Era solo questione di tempo prima che venissero introdotte soluzioni similari anche per quanto riguarda le SUP surfboard e Naish, fra i leader del mercato, ha giocato di anticipo presentando ufficialmente la linea Raptor alla fine dello scorso mese di Marzo. Essa comprende tre shape aventi la medesima lunghezza. In dettaglio:  V95 (or S) 7’X28’’X4’’@95 L, V116 (or M) 7’X31’’X4 5/8’’@116 L and V128 7’X33’’X4 ¾’’@128 L. Aggiungiamo per completezza che i Raptor fanno parte della linea di tavole ad alte prestazioni Hokua della casa hawaiiana e quindi il nome corretto è Hokua Raptor LE. Nelle intenzioni del costruttore, quindi, tale linea  completa l’offerta dei modelli Hokua con tavole estremamente reattive e veloci fra onde piccole, anche molto increspate e poco potenti. Dicevamo che il lancio ufficiale è recente, tuttavia ci è stato fornito in anteprima un esemplare del modello V95 già a fine gennaio. Questo ci ha permesso di testarlo a dovere e di presentarvi quindi oggi il completo review di tale interessante shape. Ma partiamo, come al solito, dalle specifiche tecniche complete, riepilogate nella tabella in basso:

Naish Hokua Raptor V95 - Tech Data

Naish Raptor

 

Shape

Trattandosi di un Compact Surf Shape, l’outline dell’Hokua Raptor V95 LE è ovviamente caratterizzato da rail paralleli per gran parte della sua lunghezza e quindi, di converso, dalla tipica prua tronca che caratterizza tali soluzioni progettuali. La prua è quindi piuttosto piatta e larga, mentre la poppa, comparativamente più stretta, è di tipo Bat Tail, soluzione che Naish ha adottato in passato sul vecchio modello dell’Hokua 7’6’’ (testato sul sito a suo tempo)  L’opera viva è invece caratterizzata da un mono concavo nella sezione di prua che evolve in un doppio concavo in quella centrale che a sua volta lascia il posto ad una V non troppo pronunciata in corrispondenza della poppa. La linea scoop rocker è per lo più veloce, e quindi non molto curva, ma presenta uno scoop moderato ed un discreto rocker. Per quanto riguarda i rail, pur ammorbidendosi gradualmente, essi sono piuttosto scolpiti sin verso metà lunghezza dove raggiungono lo spessore massimo di 16 cm (4’’). Infine, la tavola può essere configurata esclusivamente in modalità Quad (4 FCS).

Naish Hokua Raptor V95

 

Caratteristiche

Il Naish Hokua Raptor V95 LE è realizzato in tecnologia Carbon PVC Sandwich. Essa è stata profondamente migliorata rispetto a quella adottata dal produttore hawaiiano lo scorso anno, presentando ora una struttura rinforzata di coperta in Honeycomb Sandwich ed un eccellente finish, non più soggetto ad abrasioni. Anche l’opera viva è stata rinforzata con uno strato di PVC Sandwich. Il risultato è quello di una tavola piuttosto leggera con i suoi 6,1 Kg con pinne ed al tempo stesso molto resistente agli urti. Essa è dunque ben costruita, solida e leggera. Per quanto riguarda gli accessori, la tavola è equipaggiata con l’eccellente maniglia incavata dotata di cornice interna (ledge handle) ed un pad in EVA stampato a caldo per evitare l’assorbimento di acqua. Esso è inoltre dotato di Tail Pad integrato. La trazione del pad (con rilievi di tipo romboidale) è ottima e rende superfluo l’uso di wax e/o di calzari. A corredo della tavola è inoltre fornita una sacca (Eco Board Bag) di discreta qualità. Stessa cosa dicasi per le 4 pinne offerte in bundle con la tavola. Realizzate in fibra di vetro e honeycomb esse sono infatti di qualità discreta/buona.

Federico 4

Performance

Abbiamo testato l’Hokua Raptor V95 LE sia in beach break che in reef break con onde che andavano da circa 50 cm a circa un metro e mezzo, due sia disordinate e poco potenti che glassy.

Stabilità – Grazie al Compact Surf Shape che caratterizza il Raptor V95, esso viene percepito come più stabile rispetto ad una tavola tradizionale di pari larghezza e volume. Ad ogni modo, non bisogna attendersi miracoli in tal senso e la tavola può essere comunque percepita leggermente instabile dai paddle surfer di peso medio. Superfluo dire che i pesi massimi dovranno invece considerare l’acquisto almeno del modello V116, meglio ancora V128. Aggiungiamo che la stabilità secondaria, cioè l’attitudine della tavola a recuperare sbilanciamenti laterali, è piuttosto buona grazie ai rail piuttosto spessi fin verso i due terzi della lunghezza dello shape verso prua. In definitiva, la stabilità è da molto buona a buona per i paddle surfer leggeri, di poco superiore alla media per quelli di peso medio ed insoddisfacente per i paddler pesanti.

Row – Per quanto non molto pronunciato per una tavola lunga poco più di due metri, l’effetto Row è comunque presente, da medio a moderato a seconda del peso del paddle surfer. Raccomandiamo quindi l’uso di tecniche di pagaiata shortboard.

Takeoff – Per venire subito al punto, il takeoff è uno dei punti di forza di questa tavola, tanto da essere paragonabile a quello di shape nettamente più lunghi.

Ingavonamento – Il nose kick moderato rende del tutto episodici gli ingavonamenti. In fase di takeoff , fra onde molto increspate è occasionalmente possibile che la prua colpisca i chop più grossi ma ciò non risulta quasi mai in un ingavonamento grazie alle doti di planata e di proiezione della tavola.

Carving – In condizioni di onda poco potente e disordinata – il campo di applicazione ideale della tavola -, l’Hokua Raptor V95 è una delle migliori, se non la migliore, fra le tavole che abbiamo testato sino ad oggi. Essa accelera rapidamente anche su grossi chop, di fatto sembrando più grande. Una volta in planata, però, il Raptor V95 sembra addirittura più piccolo, restituendo al paddle surfer un feeling di estrema vivacità e reattività immediata allo spostamento dei pesi. Un po’ come surfare su uno skateboard con una ulteriore dote e cioè quella di essere una tavola molto soft e confortevole in grado di assorbire il chop. Pilotata soprattutto dalla poppa, questa SUP board consente di effettuare turn strettissimi senza troppa perdita di velocità. Il passaggio da un rail all’altro nelle redirezioni è estremamente fluido e veloce e questo si riflette in una eccellente proiezione verticale, anche e soprattutto fra onde inconsistenti. Anche il grip, come si conviene ad un Quad, è piuttosto buono così come il drive, considerando la lunghezza della tavola. Fra onde più grosse e  potenti di reef break il Raptor V95, pur non rappresentando una soluzione ideale sulla carta, è comunque perfettamente usabile, sia pure cambiando leggermente lo stile di surfata (vedasi il punto “Suggerimenti” in basso). In entrambi gli scenari, un’altra caratteristica positiva della tavola è la sua attitudine a guadagnare/mantenere la planata con il legs pumping. In definitiva, il Raptor è una autentica macchina da Beach Break che consente di divertirsi anche in condizioni del tutto incosistenti.

Superamento dei frangenti – Facile per paddle surfer leggeri. Più difficle per quelli di peso medio.

Nose riding – La prua piuttosto larga rende i nose trick possibili ai paddler leggeri.

Target di impiego – Il Raptor V95 LE è destinato ai SUP surfer intermedi ed esperti, particolarmente a quelli di peso leggero.

Condizioni ideali – I beach break con onde piccole rappresentano il campo di applicazione ideale di questa tavola. Essa è comunque in grado di assicurare un eccellente livello di prestazioni anche fra onde di circa un metro e mezzo.

Suggerimenti – In condizioni di onda increspata e poco potente, il Raptor V95 dovrebbe essere pilotato in modo piatto soprattutto dalla sezione poppa, piuttosto che sui rail. Le cose cambiano con onda più formata e potente nelle quali è comunque possibile surfare ingaggiando maggiormente i rail per poi comunque re-dirigere la tavola dalla coda. In virtù della lunghezza limitata, è inoltre essenziale trovare il punto ideale di pagaiata sulla coperta. In ogni caso, data la particolarità dello shape, occorrono comunque un paio di session per sfruttarlo al massimo.Federico 3

Conclusioni

Siete alla ricerca di una tavola in grado di assicurare il massimo di performance e divertimento fra le piccole onde irregolari di beach break ed il vostro peso non supera i 75/80 Kg? Allo il Naish Hokua Raptor S LE è la tavola che fa per voi pur essendo comunque adattabile anche a condizioni di onda più grossa e glassy. Inoltre la tavola è davvero ben costruita, leggera e resistente ad urti ed abrasioni e dotata di pinne e di una sacca di qualità più che decente. Non deve essere infine dimenticato il vantaggio derivante dalla eccellente trasportabilità del Raptor V95, che può essere stipato anche in una auto di piccole/medie dimensioni. Alla luce di tutte queste considerazioni, quindi, il Naish Hokua Raptor V95 LE è altamente raccomandato, soprattutto a paddle surfer di peso leggero e livello intermedio per surfare i beach break.

Il Naish Hokua Raptor V95 LE è una tavola estremamente reattiva e vivace con un feeling che ricorda quello di uno skateboard. Essa è in grado di assicurare un livello di performance eccezionale fra onde irregolari di beach break ma in grado al tempo stesso di essere impiegata anche fra onde più potenti e regolari. La cosa più importante comunque, è che si tratta di una tavola estremamente divertente che vi stupirà con il suo feeling unico.

Eccellente livello di prestazioni fra onde piccole ed irregolari di beach break – piuttosto reattiva – molto soft nel carving – leggera e resistente ad urti ed abrasioni – equipaggiata con pinne più che decenti ed una discreta sacca.